“Vote for Mr. Rhythm” – Intervista a Marco Betta

 “Vote for Mr. Rhythm” – Intervista a Marco Betta

Presenza costante negli appuntamenti danzanti a Torino, oggi intervistiamo il dj Marco Betta, aka Mr Rhythm the Swing Selecta. Conosciamolo meglio!

Swingfever – Ciao Marco! Come è nata la tua passione per la musica Swing? E come sei diventato Mr Rhythm?

Mr Rhythm – Un saluto a te ed un ciao a tutti i lettori di queste righe!

La nascita di questa passione la potrei definire come un grande classico appartenente al mondo maschile: una moglie che insiste per poter iniziare a ballare con proprio marito; un marito accondiscendente che controvoglia l’accontenta; un fortunato incontro con due insegnanti capaci e coinvolgenti; …si lascia riposare per circa un anno e poi… sbam!!! L’energia accumulata quasi inconsapevolmente in questo periodo ha generato una serie di esplosioni concatenate e positive. Una di queste ha fatto crescere la forte passione per il ballo ballato ed un’altra: il grande piacere di poter far ballare. Ma non è finita perché ancora adesso dopo circa 5 anni continuo a sentire gli effetti di quanto capitato forse non per caso.

Swingfever Il tuo repertorio è vasto; spazia tra blues, dixieland, Swing, rhythm’n’blues. Ti lasci ispirare a qualche artista in particolare?

Mr Rhythm – Tanti sono stati e sono ancora gli artisti che ho modo di ammirare e che appartengono alla Swing Era e tanti sono gli artisti dei giorni nostri che apprezzo e rispetto. Oggi posso rispondere con il nome di due band leaders come Count Basie e Andrej Hermlin.

Swingfever Un brano che non può mancare nelle tue playlist.

Mr Rhythm – Ovviamente “Vote for Mr. Rhythm” nella versione di Chick Webb ed Ella Fitzgerald :)

Swingfever – Chi ti segue sa che Mr Rhythm non è presente solo in consolle o in pista. Sappiamo infatti che nel 2015 hai lanciato il format radiofonico Dusty Jazz Radio! Vuoi parlarcene?

Mr Rhythm – L’esperienza fatta con Dusty Jazz Radio è stata per me importante e significativa. Il supporto da parte dell’associazione Dusty Jazz è stata fondamentale in quanto moltissimi soci che ne fanno parte hanno dato il loro contributo nel creare le puntate di questo podcast a cadenza mensile. Al momento il progetto è in standby ma sono sicuro che tante belle cose potranno ancora accadere.

Swingfever – Marco, è noto che a Torino lavori a stretto contatto con l’associazione Dusty Jazz e non disdegni di collaborare con altre associazioni danzanti. Non sono mancate però le occasioni in cui hai portato la tua energia e la tua musica anche in giro per l’Italia. Come è andata?

Mr Rhythm – Il lavoro svolto con Dusty Jazz è stato un’ottima palestra per potermi presentare in maniera adeguata a tutto il pubblico di Torino ed anche a livello internazionale. Nel 2018 ho avuto il piacere di essere presente a Torino per lo Swing Train Festival, sono stato a Firenze per il Florence Lindy Camp 2018 ed ho potuto essere a Roma insieme ad Arpad e Lalla Hop. In precedenza ho potuto essere uno dei Dj del Turin Swing Festival 2017, prima ancora con gli amici di Tuballoswing a Firenze e l’estate scorsa ho avuto la grandissima opportunità di essere parte del DJ Team delle ultime due edizioni del Policoro in Swing dove ho conosciuto nuovi amici e DJ che tanto mi hanno insegnato. Ovunque ho trovato un ambiente accogliente e ballerini stimolanti!

Swingfever Le prossime serate dove ci farai scatenare?

Mr Rhythm – Torino è la mia città di residenza quindi venite a ballare con noi per la chiusura dell’anno accademico al prossimo Swing It Dusty del 2 Giugno.

Swingfever Grazie Marco! Ci vediamo presto in pista!

Mr Rhythm – …allora mi auguro di poter essere io il Dj della serata! Un grande abbraccio a tutti.

 

A cura della redazione di Swingfever.it.

Per informazioni sul progetto: Mr Rhythm.

 

 

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Pin It on Pinterest

Share This