Un pizzico di filtro vintage alla contemporaneità – Intervista a Gloria Ballarin di Bounce Swing Lovers

Come trasportare le atmosfere, le sonorità e i passi di danza dalla Swing Era nella vita di tutti i giorni, per dare alla contemporaneità un pizzico di filtro vintage? Chiediamolo a Gloria Ballarin di Bounce Swing Lovers, scuola di swing tra Padova e Treviso.

Swing Fever – Ciao Gloria, piacere di conoscerti! Domanda di rito in questo particolare momento dell’anno…siete carichi per l’inizio di un nuovo anno accademico?

Gloria Ovviamente si, carichi e pronti per accogliere tutti i nuovi corsisti, per ritrovare chi già balla con noi da tempo e per dare il via alle numerose attività che abbiamo in programma per questo nuovo anno. Il Lindy Hop rimane prioritario, così come il Balboa nel quale investiamo oramai da due anni; proprio su questo, per il 2019 abbiamo deciso di incrementare la nostra offerta attivando (per la prima volta in Veneto) il primo corso settimanale di Balboa. E poi, spazio ai nostri aperitivi swing, ai brunch in musica e alle serate-evento che stiamo preparando. Ci sarà da divertirsi!

Swing Fever – Fantastico! Come descrive perfettamente anche il vostro nome, vi definite poi come quelli con “lo swing nel cuore”…un gruppo di appassionati che hanno deciso di portare la Swing Era nella vita di tutti i giorni tra gli angoli di Padova e Treviso. Raccontaci però cosa ti ha fatto avvicinare a questo mondo e quando.

Gloria Ero a Senigallia in vacanza. Sole, relax, divertimento; ad un certo punto sento in sottofondo la musica swing e in un attimo è scattato l’amore. Era il 2014, da quel momento il lindy hop e le atmosfere vintage non mi hanno più lasciato. Mano a mano che passava il tempo però cresceva in me la curiosità per capire l’origine dello swing; e ad un certo punto ho deciso; ho preso la valigia, le mie scarpe e sono volata in America. Lì ho vissuto sei mesi tra New Orleans, San Francisco, Austin e Houston; e lì ho ballato tantissimo, nei luoghi dove il lindy hop è nato e dove lo swing è una vera e propria religione. E quando sono tornata in Italia, assieme a chi ancora oggi è parte integrante della nostra scuola, abbiamo dato vita alla nostra associazione, con l’obiettivo di portare anche qui la straordinaria essenza dello swing.

Swing Fever – Quale pensi sia l’aspetto che più vi caratterizza come scuola e come insegnanti?

Gloria Noi, come “Bounce Swing Lovers”, siamo partiti dalla “social dance”. Divertirsi, sorridere e stare bene innanzitutto. Ci sono scuole che si limitano ad insegnare passi e figure, lasciando poi gli allievi a sé stessi. Ecco, noi non siamo questi. Noi siamo un’associazione, un gruppo, una scuola, che punta sul portare ogni nuovo ballerino a vivere e a respirare le atmosfere della “swing era”. Prima di corsi e passi, ci sono lo stare bene ed il sorriso. I passi sono importanti, ma è altrettanto importante poi mettere in pratica il tutto, durante le “social dance”, tra un aperitivo in compagnia e un brunch musicale all’aria aperta. Imparare, divertendosi, è il nostro focus. Quindi organizziamo i corsi, ma creiamo anche serate ed eventi per ballare e mettere in pratica il tutto. E quando l’evento non lo organizziamo noi, coinvolgiamo i nostri studenti in trasferte all’insegna dello swing, per conoscere da vicino le altre comunità d’Italia e d’Europa e crescere così, facendo nuove conoscenze e instaurando rapporti che poi durano nel tempo.

 

Swing Fever – Gloria, dicci qualcosa in più sulle vostre principali attività durante l’anno?

Gloria Oltre ai corsi di Lindy hop, settimanali e in programma per i vari livelli sia a Padova che a Treviso, come già anticipato prima, dal mese di ottobre partirà proprio a Padova il primo corso settimanale, in Veneto, di Balboa. Ed è questa la prima grande novità di quest’anno; un’altra novità che siamo pronti ad attivare per questo 2019 e per tutto il 2020 è un progetto per far conoscere la cultura e l’origine della musica swing. Un percorso nuovo per far conoscere ancor di più l’origine e le particolarità dello swing, fin dalle sue origini.

Tornando al ballo, oltre ai corsi settimanali e ai numerosi workshop di approfondimento su tutti gli altri stili ballabili sulla musica swing, diamo spazio a numerose sessioni di “social dance”, al termine delle lezioni o in occasione di eventi particolari. Il tutto, per rendere ancora più divertenti i nostri “Swing party” che organizziamo durante tutto l’anno e con diversi format; la “Bounce Factory”, uno dei nostri “must” che prosegue anche quest’anno tutti i mercoledì sera; un’occasione per fare pratica e spezzare la settimana con lo swing. Ma ci trovate a ballare anche in numerosi locali del territorio, fino ad arrivare in altura, con il nostro “Snowy weekendnel quale alterniamo swing out e rock step a sci, neve, e pranzi e cene ad alta quota. E molto altro ancora, da scoprire venendo a ballare con noi.

Swing Fever – Quali altre discipline insegnate nelle vostre sedi?

Gloria – Oltre a Lindy Hop e Balboa, anche Blues, Jazz, Shag e Charleston grazie ai nostri corsi settimanali e ai numerosi workshop periodici, organizzati durante tutto l’anno, con insegnanti di fama internazionale

Swing Fever – Parlando di attività, un momento molto importante per voi è senza dubbio il Bounce Swing Festival. Come ogni festival richiede tanto impegno sotto tanti punti di vista e da parte di tutto il team.. ma siamo certi sia anche fonte di soddisfazioni e di emozioni positive. Raccontaci come è andata quest’anno!

Gloria E’stato un successo, a tal punto che dal giorno dopo la chiusura della prima edizione abbiamo già iniziato a lavorare alla seconda, programmata a Padova dal 17 al 19 aprile 2020. L’edizione dello scorso anno ha permesso a tutti noi, e ai quasi 400 ballerini che ci hanno raggiunto durante il festival, di approfondire da vicino i balli swing assieme a quattro coppie di teachers internazionali davvero fantastici. Ed è stato anche molto bello accompagnare il tutto a rilassanti momenti nelle terme della location scelta per dar vita al festival. Quest’anno le sorprese, anche su questo fronte saranno molte. E l’invito è ovviamente quello di tenere monitorati i nostri canali social e web per non perderne nemmeno una, e assicurarsi da subito la partecipazione al Bounce Swing Festival 2020.

Swing Fever – Ci sono stati momenti particolari che ti va di condividere con gli utenti di Swing Fever?

Gloria L’ After party del sabato sera è stato indimenticabile. Perché siamo andati avanti a ballare fino all’alba lasciando uscire la nostra essenza swing, in musica e avvolti dall’acqua limpida della piscina termale più profonda al mondo. O il “teachers’s show” e la successiva “jam session” con Mauro Porro e la sua band durante il “Saturday party”; coinvolgenti ed esaltanti. Ma anche il momento in cui, a festival concluso, ci siamo guardati negli occhi con tutti i componenti dello staff: eravamo sfiniti e doloranti, ma ricchi di emozione e gioia nel cuore, a tal punto che la stanchezza è durata un attimo. E dal giorno successivo siamo ripartiti per dar vita all’edizione 2020. E non vediamo l’ora che arrivi il 17 aprile per cominciare.

Swing Fever – E in vista del prossimo, puoi darci già qualche anticipazione?

Gloria Qualcosina posso dirvi. Si inizia il 17 aprile e si finisce il 19, come già sapete. Tre giorni di grande swing con una band di livello assoluto, proveniente da New York City, e insegnanti internazionali di livello assoluto e non solo europei. Sulla location non anticipo nulla, e lo capirete non appena la comunicheremo attraverso i nostri canali ufficiali. Per il resto preferisco mantenere il segreto ancora per un po’. Ma ancora per poco, a breve vi faremo sapere tutto quanto.

Bounce Swing Festival 2020

Swing Fever – Grazie mille Gloria, non vediamo l’ora di partecipare ad una delle vostre mille attività e, ovviamente, al vostro Bounce Swing Festival! A presto e in bocca al lupo per il nuovo anno accademico!

 

 

A cura della redazione di Swing Fever.

 

Pin It on Pinterest

Share This